Come lavora il dietista?

La visita dietistica consiste in un colloquio di circa 60 minuti utile a instaurare un primo contatto con il paziente. Durante la prima visita buona parte del tempo viene dedicato alla raccolta dei dati necessari a identificare i problemi nutrizionali, le loro cause e la loro rilevanza così da poter effettuare un'accurata valutazione nutrizionale. I dati vengono raccolti attraverso un'intervista con il paziente, l'osservazione e la rilevazione delle misure antropometriche, oltre che dall'eventuale documentazione clinica portata in visita e dal contatto con il medico curante o con le altre figure sanitarie che hanno in carico il paziente.

Anamnesi nutrizionale

Rilevazioni antropometriche

Intervento nutrizionale

L'anamnesi nutrizionale è la raccolta particolareggiata delle informazioni relative allo stato nutrizionale del paziente: apporto di alimenti e nutrienti, gestione della dieta, conoscenze e credenze alimentari, utilizzo di farmaci o di integratori alimentari, qualità di vita correlata alla nutrizione, attività fisica e così via...

Altezza, peso, Indice di Massa Corporea (IMC o BMI), circonferenze, pliche, storia del peso, calcolo del metabolismo basale e del dispendio energetico etc... 

Il risultato del primo colloquio con il dietista è innanzitutto la definizione degli obiettivi del trattamento e la messa a punto di un intervento nutrizionale che può tradursi nell'elaborazione di un programma nutrizionale oppure in un percorso di educazione alimentare, ovvero un processo di istruzione e addestramento del paziente su conoscenze e abilità che lo aiutino a gestire con consapevolezza le proprie scelte e gli atteggiamenti alimentari, al fine di migliorare il proprio stato di salute.


Cosa è necessario portare per la prima visita?

  • impegnativa (su carta bianca intestata) del medico curante con la richiesta di visita dietistica.

Download
Richiesta visita dietistica
Scarica il modulo e presentalo al tuo medico curante. Questo modulo è necessario ai fine della visita dietistica.
richiesta visita dietistica.pdf
Documento Adobe Acrobat 30.5 KB
  • esami del sangue recenti (preferibilmente non superiori ai 6 mesi)

  • ulteriore documentazione utile per la valutazione nutrizionale 

Poi cosa succede?

Le visite di controllo vengono programmate a cadenza mensile, in base alle necessità e all'obiettivo prefissato. La visita di controllo è utile per il monitoraggio e per la rivalutazione nutrizionale. In questa fase vengono evidenziate ed affrontate le eventuali problematicità, si valuta l'entità dei progressi fatti e il raggiungimento o meno degli obiettivi attesi. In contemporanea viene portato avanti il percorso di educazione alimentare, imprescindibile strumento volto a raggiungere la consapevolezza alimentare.